Riportiamo integralmente il testo di Stefano Ponti
Avvocatura per i diritti LGBTI - Rete Lenford

Nelle ultime settimane il dibattito pubblico sul ddl Zan, finalmente calendarizzato in Commissione Giustizia al Senato, si è intensificato. 

Alla crescente attenzione mediatica non sempre corrisponde, però, un adeguato sforzo di lettura e di comprensione del testo di legge. Con questo contributo proveremo dunque ad analizzare il disegno di legge Zan, articolo per articolo, esponendone l’oggettivo contenuto e affrontando, nel merito, alcune delle critiche più ricorrenti. 

 

Cos’è il “ddl Zan”?

 Il ddl Zan (dal nome del primo firmatario della proposta, il deputato Alessandro Zan) è un disegno di legge che intende introdurre misure di contrasto alle discriminazioni e alle violenze fondate sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità della vittima. 

Il testo di legge è il risultato dell’unificazione di più proposte di legge di iniziativa parlamentare presentate da deputate e deputati di diversi gruppi politici (C. 107 Boldrini, C. 569 Zan, C. 868 Scalfarotto, C. 2171 Perantoni e C. 2255 Bartolozzi). Dopo una non semplice opera di mediazione politica in Commissione Giustizia, la proposta di legge unificata è stata approvata in prima lettura alla Camera dei Deputati il 4 novembre 2020 ed è poi approdata, sotto forma di disegno di legge, in Commissione Giustizia al Senato. 

 Non è la prima volta che il Parlamento italiano affronta il tema dell’omotransfobia. Diverse volte in passato si tentò, senza successo, di approvare una legge contro l’omotransfobia, con le proposte e i disegni di legge Vendola (1996), Grillini (2002 e 2006), Di Pietro (2009), Concia (2009 e 2011) e Scalfarotto (2013). Molti di questi progetti normativi caddero sotto la scure del voto parlamentare sulle pregiudiziali di costituzionalità, spesso utilizzate in modo strumentale da forze politiche ostili al riconoscimento di tutele per le persone LGBTI+. 

Sono dunque in molti a chiedersi se i tempi siano finalmente maturi per l’approvazione di questa legge, che rispetto al passato presenta la novità di una tutela estesa anche al sesso, al genere e – grazie all’approvazione dell’emendamento Noja – alla disabilità.

 

Cosa prevede il ddl Zan?

Il ddl Zan è costituito da un testo molto breve, composto di soli dieci articoli e idealmente scomponibile in due parti. 

La prima parte (artt. 1 – 6) è dedicata alle disposizioni di natura penale-repressiva, con cui si intende colmare la lacuna legis attualmente esistente nella disciplina italiana contro i crimini d’odio, mediante l’estensione di una tutela penale rafforzata (attualmente riferita alle sole discriminazioni per razza, etnia, nazionalità e religione) anche ai profili identitari del sesso, del genere, dell’orientamento sessuale, dell’identità di genere e della disabilità.

La seconda parte (artt. 7 – 10) contiene invece disposizioni di natura propositiva, finalizzate a perseguire il fine della prevenzione dei fenomeni di violenza e discriminazione mediante azioni istituzionali, interventi educativi e attività di promozione sociale e culturale. 

 

A cura dell'Associazione Luca Coscioni

Con “Gravidanza per altri”, “Maternità surrogata” e “Surrogazione di maternità” si intende un percorso di fecondazione assistita nel quale una donna porta avanti una gravidanza per un’altra persona o per una coppia.
Nei Paesi in cui tale pratica è consentita legalmente, la donna che porta avanti la gravidanza per altri – la “gestante” – non è giuridicamente considerata genitrice dei bambini nati. La legge, infatti, considera genitori a tutti gli effetti i genitori “intenzionali”, vale a dire coloro che hanno fatto ricorso alla gravidanza per altri.
In Italia, la Gravidanza per altri commerciale è vietata dalla Legge 40/2004 che, all’articolo 12, comma 6, recita:
Chiunque, in qualsiasi forma, realizza, organizza o pubblicizza la commercializzazione di gameti o di embrioni o la surrogazione di maternità è punito con la reclusione da tre mesi a due anni e con la multa da 600.000 a un milione di euro.

Cosa facciamo
L’Associazione Luca Coscioni ritiene che questo divieto sia contestabile sia dal punto di vista giuridico sia da quello etico. È riscontrabile, infatti, una violazione dei diritti costituzionalmente riconosciuti alla salute, all’uguaglianza e alla famiglia. In più la legge 40/2004 non spiega esattamente cosa s’intenda per “surrogazione di maternità” né specifica se tale pratica sia vietata tout court o solo per la parte della commercializzazione. Le nuove innovazioni scientificamente e socialmente lecite propongono situazioni nuove che scindono la sessualità dalla procreazione.
Per i nascituri, le gestanti e le coppie che decidono di ricorrere a questo percorso è necessario garantire un quadro che definisca i limiti entro cui la gravidanza solidale sia lecita. Insieme ad altre associazioni, l’Associazione Luca Coscioni ha promosso una proposta di legge con un lavoro e un continuo confronto pubblico, iniziato nel 2015. Nel 2019 è stata presentata un’ultima versione della legge che propone al Parlamento la Gravidanza solidale per Altri. I suggerimenti ricevuti in sede di presentazione sono stati attentamente presi in considerazione anche ai fini della revisione della proposta. Il testo aggiornato della proposta di legge è allegato in fondo a questa pagina ed è liberamente accessibile.
Per rafforzare l’urgenza di una normativa in quest’ambito, l’Associazione Luca Coscioni ha promosso anche un appello ai parlamentari per una legge sulla Gravidanza solidale per altri.

 Firma anche tu l’Appello al Parlamento per una legge sulla Gravidanza solidale per Altri

Posizione di Agedo in risposta a AGESC su DDL ZAN.

LETTERA APERTA ALL’ AGESC in risposta alla loro posizione espressa nell’articolo apparso su Avvenire il 23/4/2021 dsl titolo: “Con la legge Zan l’identità di genere può diventare un dogma. Anche per le scuole” 

Cari colleghi dell’AGESC, associazione dei genitori cattolici delle scuole paritarie, abbiamo letto ieri su Avvenire la vostra presa di posizione sul DDL Zan e sinceramente ci ha meravigliato conoscendovi ormai da molti anni come componente insieme a noi del Forum Nazionale dei genitori della Scuola. Ci era sembrato che il vostro interesse si limitasse alla richiesta di finanziamenti alle scuole cattoliche invece va ben oltre, solo che in questo caso ci sembra che l’argomento scelto non lo padroneggiate molto bene.

Il richiamo al “benaltrismo” non poteva mancare ma vi ricordiamo che spesso è usato da chi non ha argomenti e vuol far credere che un parlamento come quello italiano con 1000 deputati e senatori non possa affrontare più di una questione per volta.

Per voi questa legge non è urgente, mentre per noi, genitori di ragazze e ragazzi LGBT+, è estremamente necessaria perché siamo stanchi di vedere le nostre figlie e i nostri figli, vittime di offese, bullismo, derisioni, violenza fisica  per quello che sono, non per quello che “scelgono”, e siamo profondamente stupiti che non sentiate anche voi, provenendo dall’associazionismo cattolico, l’urgenza di una legge che parla di contrasto all’odio, di rispetto, di uguaglianza di tutte le donne e di tutti gli uomini.

Di cosa avete paura? Che tutti possano godere di sicurezza, amore e felicità? Dite che le norme vigenti sono già sufficienti ma noi vogliamo spiegare chiaramente di cosa si tratta una volta per tutte.

Oggi la normativa penale prevede sanzioni specifiche nei confronti di chi “istiga a commettere o commette violenza o atti di provocazione alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi”. Si tratta dei cosiddetti reati d’odio. Il DDL prevede l’estensione delle aggravanti anche ai reati “fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere o sulla disabilità “.

Non è vero, quindi, che il quadro normativo vigente è già in grado di sanzionare chiunque offenda o leda in qualsiasi modo qualunque cittadino! Il vuoto legislativo è talmente profondo che non esiste neppure il modo di denunciare i crimini d’odio di questa matrice in quanto tali mancando il reato specifico. Di cosa state parlando? Avete idea di quanti reati non vengono riconosciuti come crimini d’odio?

E’ facile dire che la legge “è scritta male, in modo pasticciato, ideologico, confuso, e rischia di creare più problemi di quanti ne possa risolvere”. Questo è gettare discredito per affossare quello che non piace dopo 2 anni di dibattito molto intenso in tutti hanno potuto portare il loro contributo positivo.

La libertà di parola e di espressione del pensiero non è illimitata e ci deve essere un bilanciamento con altri diritti di rango uguale se non superiore, quali il rispetto delle persone e della loro identità, dignità e personalità e questo vale per tutti. Che questa legge voglia chiudere la bocca a chi la pensa diversamente ed in particolare alle gerarchie della Chiesa Cattolica nel nostro paese, come paventano alcuni, è quantomeno esilarante. State tranquilli che a noi è molto cara la libertà di espressione che difendiamo per noi e per gli altri e qui non si tratta di questo.

Non siamo nel campo delle opinioni a confronto, si tratta della tutela del benessere delle persone e non di un dibattito accademico.

Altra osservazione è relativa alla supposta vaghezza dei termini citati, in particolare l’identità di genere quando anche l’Ist. Superiore di Sanità ci spiega che essa fa riferimento “a come una persona si definisce rispetto al genere a cui sente di appartenere… tutte le identità di genere sono naturali (normali).”. 

Il sesso biologico assegnato alla nascita è un dato certo e non si discute ma l’identità di genere é ben altro e si intende “l’identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corrispondente al sesso, indipendentemente dall’aver concluso un percorso di transizione”. Nessuno vuole sostituire il sesso con l’identità di genere che sono due aspetti dell’identità sessuale delle persone correlati ma distinti, come qualsiasi testo scientifico può confermarvi.

Se volete mettere in discussione l’esistenza delle persone transgender, con il loro vissuto, i loro bisogni e il loro diritto all’autodeterminazione, all’autoaffermazione e a una esistenza con pari diritti, dignità e riconoscimento rispetto agli altri, questo cozza con tutte le evidenze scientifiche recenti nonché contro le elementari necessità che ha ogni persona di poter vivere per quello che é, non in base a quello che gli altri desiderano.

Quanto al “dogma” gender capiamo l’uso del termine visto il contesto culturale da cui proviene ma ci sembra un’affermazione sciocca. Non abbiamo dogmi da imporre ad altri, non vogliamo dare lezioni a nessuno o impedire a qualcuno di pensarla diversamente, ma cerchiamo di unire i bisogni e il diritto a star bene di tutte le persone supportati da quanto oggi è noto in ambito scientifico. 

Naturalmente non manca da parte vostra un richiamo alla “famiglia – che- è tale solo se fondata su una coppia formata da una donna e un uomo”. Su questo non ci trovate assolutamente d’accordo anche perché cozza con l’evidenza che ognuno ha basta che si guardi intorno tanto che oltre la metà degli adolescenti oggi non vive nella tipologia di famiglia da voi indicata come esclusiva.

E poi tirate in ballo Malika, descritto come un caso drammatico, ma che ci vuoi fare! I genitori sono musulmani!!! Ma vi rendete conto quale bestialità state dicendo? Siccome la famiglia ha un’altra cultura e religione con questo si giustifica quello che è successo a questa ragazza? Dobbiamo ricordarvi sommessamente il Catechismo della Chiesa Cattolica recita “...gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati. Sono contrari alla legge naturale.  … Le persone omosessuali sono chiamate alla castità.”. Questo a proposito di chi nel nostro paese e non solo contribuisce ad una idea per cui le persone LGBT+ siano fuori della norma e alimenta stereotipi e pregiudizi, qualora ve ne foste dimenticati.

Tutto questo però é estraneo alla legge in via di approvazione  IL DDL Zan prevede esplicitamente che il reato di propaganda di idee fondate sull’odio etnico e razziale non verrà esteso all’orientamento sessuale e all’identità di genere, alla misoginia e all’abilismo. Interviene solo… sulla condotta istigatoria che è quella suscettibile di determinare il “concreto pericolo” del compimento di quegli atti. … non ogni opinione sarà oggetto della norma penale”. Su questo si sono già autorevolmente espresse sia la Corte Costituzione che quella di Cassazione “«non è … il pensiero ad essere giudicato, ma la sua offensività al … rispetto della reputazione e dell’onore, quali diritti della personalità di pari rango – per il tramite dell’articolo 2 della Costituzione – rispetto alla libertà di manifestazione del pensiero e dunque suscettibili di configurare un limite alla medesima …”

Infine spiegateci perché siete così ossessionati dalla eventualità che le scuole possano (non debbano) in occasione della Giornata nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia organizzare iniziative al “fine di promuovere la cultura del rispetto e dell’inclusione nonché di contrastare i pregiudizi, le discriminazioni e le violenze motivati dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere, in attuazione dei princìpi di eguaglianza e di pari dignità sociale sanciti dalla Costituzione”?

Vi spaventa che finalmente le scuole possano fare informazione su questi temi a giovani e docenti? O che si cerchi di aiutare ragazze e ragazzi a crescere serenamente ed in pace tra loro conoscendo meglio lo sviluppo della persona umana? Sicuramente sì e lo vediamo nei tentativi continui che voi ed altri escogitate per impedire alla scuola di crescere ed aggiornarsi allineandosi ai Paesi avanzati.

Perché avere paura che i giovani e le giovani imparino che siamo tutti uguali, meritiamo tutti dignità e tutte e tutti abbiamo il diritto di vivere sicuri alla luce del sole, essere felici e amare così come la natura ha stabilito che ognuno di noi ami?

Questa ci sembra una risposta adeguata a quanti pensano che il livello penale non sia sufficiente per ridurre i reati d’odio ma che sia necessario incidere sul piano culturale. Noi ne siamo pienamente consapevoli e per tale motivo abbiamo salutato con piacere che si intervenga sul piano della prevenzione ma anche questo evidentemente non va bene. Usando un linguaggio di altri tempi, né prevenire né reprimere. 

Scusate ma la contraddizione ci sembra troppo forte e su questo piano non riusciamo a seguirvi. 

Con cordialità vi ricordiamo un nostro motto di cui siamo particolarmente orgogliosi “Etero o gay sono tutti figli miei”.

 

 

Torino 24/04/2021

 

È stata depositata alla Camera dei deputati, a opera dei deputati Guia Termini, Doriana Sarli, Riccardo Magi, Nicola Fratoianni ed Elisa Siragusa, la proposta di legge per la Disciplina della gravidanza solidale e altruistica (procedura comunemente conosciuta come Gravidanza Per Altri Solidale, ovvero GPA solidale). “Questo – spiega Filomena Gallo, segretario dell’associazione Luca Coscioni – è un testo a cui abbiamo lavorato dal 2016 con alcuni esperti e giuristi e d’intesa con tante altre associazioni che ne hanno condiviso testo e obiettivi. Nel tempo la proposta è stata presentata pubblicamente per rilevare eventuali criticità e trovare le migliori soluzioni normative. Oggi quel testo dopo tutte gli opportuni interventi è conforme al quadro normativo e costituzionale del nostro Paese”.
“Dopo il deposito – prosegue – l’iter prevede l’eventuale abbinamento alle proposte incardinate sul tema, che in effetti ci sono ma di segno contrario, presso la Commissione Giustizia alla Camera dei Deputati. Dopo l’esame in commissione la proposta dovrà arrivare in aula per la votazione e poi all’altro ramo del Parlamento per essere definitivamente approvata. Crediamo che sia tempo anche in Italia di avere una legge che regolamenti la gravidanza solidale per altri, per tutti coloro che ne hanno bisogno, per poter fare famiglia con figli”.

Filomena Gallo
Segretario Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica

Il testo e la relazione illustrativa relativa alla proposta di legge sono disponibili nella sezione DOCUMENTI/GPA (Gestazione per altri):
http://agedotorino.com/index.php/documenti/summary/3-g-p-a-gestazione-per-altri/47-proposta-di-legge-sulla-gestazione-per-altri-in-italia

Napoli, liceo Vico, transgender discriminato. I compagni: sciopero

Lo studente rimproverato per aver usato il bagno dei maschi. La solidarietà di tutta la classe: atto di natura transfobica
 
Stavolta la lezione la insegnano loro, i ragazzi. Non si tratta però né di matematica, né di inglese. È la lezione più bella: quella dei diritti e della solidarietà. Terza H, liceo Gianbattista Vico: una classe intera si stringe intorno al compagno transgender e decide di combattere insieme a lui tra i banchi di scuola la battaglia perché possa sentirsi se stesso. Così quando la campanella suona i ragazzi si presentano nell'aula 101 dell'istituto in via Salvator Rosa ed annunciano ai professori: "Scioperiamo dalle lezioni, oggi terremo un dibattito". Qualche giorno prima, lunedì scorso, il loro compagno "è stato rimproverato - raccontano - con toni aggressivi per aver utilizzato il bagno corrispondente al genere in cui si identifica". Un episodio che si è poi ripetuto anche una seconda volta. "Un inaccettabile atto discriminatorio di natura transfobica" denunciano gli studenti.
...

L'articolo completo di Marina Cappitti su Repubblica è qui: 
https://napoli.repubblica.it/cronaca/2021/04/22/news/napoli_liceo_vico_transgender_discriminato_i_compagni_sciopero-297482544/

 

I cookie ci aiutano a fornirti una buona esperienza di navigazione sul nostro sito. Continuando accetti il loro utilizzo.