IL DDL ZAN viene definitivamente cancellato al Senato.
Oggi è un brutto giorno ma non è la fine del mondo. Siamo stati uniti nel sostenere questa battaglia. Ricordo che tutti abbiamo sostenuto il NO ad accordi al ribasso e che meglio niente di una brutta legge. Spero che il movimento LGBT+ non si divida nuovamente e serri le fila. Proviamo a prendere l'iniziativa non solo subirla. Io vorrei ringraziare Zan, Maiorino e Cirinnà e tutti coloro che di sono battuti. Avanti.

Il disegno di legge avrebbe contrastato i crimini d’odio motivati da questioni legate all’orientamento sessuale, l’identità di genere, la misoginia e l’abilismo.
Sono fuori dalla protezione da parte dello Stato, dunque, anche le persone disabili e le donne.

https://www.gaypost.it/tagliola-legge-zan-senato-non-tutela-persone-lgbt?fbclid=IwAR21kGcaDbgTaqpiC-RrfdIod2xB-X8v8JXrI2-2r_S5zRVAuB8vlOtLfhA



Carissim*,
ci sono grandi novità delle ultime ore riguardo il nostro Pride.
 
Ieri mattina Alessandro Battaglia e Margherita Jannon, essendo stati convocati, si sono recati ad un incontro con il Questore di Torino, il quale ha comunicato che il Ministero dell'Interno, con una circolare chiarificatrice, ha stabilito che in zona bianca possono svolgersi manifestazioni dinamiche.
 
Questa importante novità ha nuovamente mescolato le carte nella organizzazione del nostro PRIDE che ritorna ad essere una 
GRANDE PARATA IN MOVIMENTO.
 
Dati i tempi strettissimi, non riusciamo a riproporre la prima data del 18, ma trasformeremo la manifestazione del 25 settembre nel tradizionale Torino Pride che seguirà il consueto percorso con partenza alle 16,00 da corso Principe Eugenio, proseguire in corso San Martino, piazza 18 dicembre, via Cernaia, via Pietro Micca, piazza Castello, via Po per concludersi in piazza Vittorio Veneto dove sarà installato un palco.
 
Prepariamoci, quindi, a dar vita ad un GRANDE PRIDE, la Marcia dei Diritti per tutte, tutti e tuttu. 
Prepariamoci a colorare le strade di Torino con i colori dell'Arcobaleno LGBTQIA+, 
La nostra Città, il nostro Paese, sta attraversando momenti difficili e noi dobbiamo continuare a chiedere con forza, con la nostra presenza nelle strade, una società più equa, non discriminante e accogliente.
 
Noi stiamo correndo come non mai per rendere tutto ciò possibile. Confidiamo, come sempre, sul vostro aiuto per fare di questo Pride un evento indimenticabile!
 
Angela Mazzoccoli
per la Segreteria del Coordinamento Torino Pride
 
Coordinamento Torino Pride GLBT
Via Bernardino Lanino 3A | 10152 Torino

La conferenza dei capigruppo del Senato ha calendarizzato la ripresa della discussione della legge contro l'omotransfobia per il 27 ottobre. 

Il Consiglio Comunale di Alessandria è pro o contro i diritti? Non c’è tempo per le indecisioni!
Apprendiamo dai media che nella giornata di ieri è stato approvato in Consiglio Comunale un ordine del giorno che invita il Sindaco e la Giunta di Alessandria a sollecitare il legislatore a procedere con i punti previsti dal Disegno di Legge contro l’omolesbobitransfobia, la misoginia e l’abilismo, noto come DDL Zan.
L’ordine del giorno, proposto da Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Lista Rossa con l’appoggio di Articolo Uno e Possibile, è stato però emendato da parte della maggioranza con una aggiunta da parte della Lega che solleva non pochi dubbi. L’emendamento, a firma del Consigliere Danilo Autano, riporta affermazioni che non trovano riscontro nel testo del DDL Zan e agita spauracchi che una semplice lettura del testo del Disegno di Legge renderebbe nulli.