OMOFOBIA: il pregiudizio, la paura e l'ostilità nei confronti delle persone omosessuali. Può portare ad atti di violenza nei confronti delle persone omosessuali.

OMOFOBIA INTERIORIZZATA: forma di omofobia spesso non cosciente, risultato dell'educazione e dei valori omofobici trasmessi dalla società. A volte questi valori vengono accettati e interiorizzati anche dalle persone omosessuali.

OMONEGATIVITA’: il termine omofobia oggi è in parte superato e sostituito con il termine omonegatività per indicare che gli atti di discriminazioni e violenza nei confronti delle persone omosessuali non sono necessariamente irrazionali o il frutto di una paura, ma piuttosto l’espressione di una concezione negativa dell’omosessualità, che nasce da una cultura e una società eterosessista.

Vedi anche ETEROSESSISMO

OMOSESSUALE: persona attratta sul piano affettivo e\o sessuale da persone dello stesso genere.

ORIENTAMENTO SESSUALE: la direzione dell'attrazione affettiva e\o sessuale verso altre persone. Può essere:

  • ETEROSESSUALE: persona attratta sul piano affettivo e\o sessuale da persone dell'altro genere.
  • OMOSESSUALE: persona attratta sul piano affettivo e\o sessuale da persone dello stesso genere.
  • BISESSUALE: persona attratta sul piano affettivo e\o sessuale da persone del proprio genere e dall’altro.
  • PANSESSUALE: persona attratta sul piano affettivo e\o sessuale potenzialmente da chiunque a prescindere dal genere. Pone l’accento sulla persona e non sull’identità di genere\caratteristiche sessuali.
  • ASESSUALE: persona che non prova attrazione sul piano sessuale verso nessuna persona di nessun genere.
  • AROMANTICA: persona che non prova attrazione sul piano affettivo verso nessuna persona nessun genere.

OUTING: la rivelazione dell'omosessualità di qualcuno da parte di terze persone senza il consenso della persona interessata. Il movimento di liberazione omosessuale ha utilizzato a volte l'outing come pratica politica per rivelare l'omosessualità di esponenti pubblici (politici, rappresentanti delle Chiese, giornalisti) segretamente omosessuali, che però assumono pubblicamente posizioni omofobe.