Inutile nasconderlo: il Pride ci manca!

Ci manca quella festosa marcia in cui noi genitori mostriamo il nostro orgoglio  di avere figlie e figli gay, lesbiche, bisex, trans e di tutti i colori dell'arcobaleno che loro rappresentano.

I colori dell'arcobaleno delle nostre bandiere e, quest'anno, delle nostre mascherine che simboleggiano anche la volontà di tener lontano e debellare un virus letale, quello della omotransfobia.

Le persone LGBTQI+ da sempre sono costrette al distanziamento, all'impossibilità di dare pubblicamente visibilità ai propri sentimenti,  non da un virus ma da un clima di odio e di discriminazione. Quando per le persone LGBTQI+ finirà il lockdown?

Celebrare il Pride significa non dimenticare le battaglie per l'uguaglianza e i diritti. Quest'anno lo ribadiamo ricordando le celebrazioni degli anni passati  dandoci appuntamento al prossimo Pride di nuovo in piazza e per le strade.

Pride 2020, virtuale

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna