(Torino al Museo Nazionale del Cinema|Cinema Massimo dal 24 al 28 aprile 2019)
 

Dal 24 al 28 aprile 2019 a Torino presso la Multisala Cinema Massimo del Museo Nazionale del Cinema torna il più antico festival sui temi LGBTQI (lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer e intersessuali) d’Europa e terzo nel mondo, diretto da Irene Dionisio con la consulenza artistica di Giovanni Minerba, fondatore con Ottavio Mai della rassegna.
 


Alba Rohrwacher
Madrina dell’edizione di quest’anno sarà l'attrice Alba Rohrwacher nota al grande pubblico per aver recitato in alcuni tra i più importanti film degli ultimi anni nel panorama cinematografico italiano. Pluripremiata, ha vinto fra gli altri la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, 2 David di Donatello, 1 Nastro d'argento e 2 Globi d'oro.
 
Yann Gonzalez
Il presidente 2019 della giuria di All the Lovers, la sezione dedicata ai lungometraggi, sarà il regista francese Yann Gonzales recentemente tornato a Cannes con la sua ultima fatica Un couteau dans le coeur dopo il precedente successo alla Semaine del 2013 di Les rencontres d’après minuit, entrato nella top 10 dei Cahiers di quell’anno.
 
Il Lovers Film Festival tutto l’anno
Il Lovers Film Festival organizza lungo tutto l’anno un fitto calendario di appuntamenti cinematografici di avvicinamento alla rassegna di aprile. Il prossimo appuntamento è la proiezione (15 febbraio, ore 20.30, Ambrosio Cinecafè, Sala 2, corso Vittorio Emanuele 52, Torino) di Mamma + Mamma di Karole Di Tommaso: film che narra in modo poetico ma attuale il desiderio di maternità di due ragazze, Karole e Ali. Alla serata sarà presente la regista che dialogherà con il fondatore del festival Giovanni Minerba.
 
Lovers tour
Dopo le tappe di Cagliari e Lecce, 16 Febbraio 2019 a Roma presso la sala Sparwasser (21.30, Via del Pigneto 215), si conclude Lovers Tour, il tour italiano per i Nuovi Diritti nato dalla collaborazione tra Lovers Film Festival e CGIL Nuovi Diritti: l'ufficio che segue le tematiche della laicità dello Stato e dell'autodeterminazione della persona e il contrasto alla discriminazione per orientamento sessuale e identità di genere. Il format della serata prevede: il corto Odio il rosa di Margherita Ferri e Watch Without Prejudice vol. 1, video tributo a George Michael", curato dal music teller Federico Sacchi, a vent’anni dal coming out di George Michael.
 
Le sezioni competitive
Anche quest’anno le sezioni competitive sono quattro.
 

  • All the Lovers. Concorso lungometraggi internazionale al quale possono concorrere film di finzione di ogni genere, che si aggiudicheranno il premio “Ottavio Mai”. Un omaggio al ricordo di chi, con la propria passione e con il proprio attivismo, ha dato vita al festival.
  • Real Lovers. Concorso documentari internazionale al quale possono concorrere documentari di ogni genere.
  • Irregular Lovers. Concorso iconoclasta internazionale al quale possono concorrere film di ogni genere e formato con particolare attenzione all’innovazione del linguaggio narrativo e visivo.
  • Future Lovers. Concorso cortometraggi internazionale al quale possono partecipare film italiani e internazionali di ogni genere e formato.

 
Lovers Film Festival e il Museo Nazionale del Cinema
Il Lovers Film Festival Torino LGBTQI Visions dal 2005 è integrato nel Museo Nazionale del Cinema di Torino e si svolge con il contributo del MiBACT – Direzione generale Cinema, della Regione Piemonte e del Comune di Torino.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna